Ringraziamo
logo_unihoc.jpglogo_biaggini.jpglamobiliare_small.pnglogo_BdS.jpgSTS.jpg
Ultime dal forum
giampiero cason
02.11 (16:17)

grazie TIUH ai dirigenti e giocatori per i bellissimi momenti a tifare per voi! giampiero...

Capocurva
14.09 (20:44)

In bocca al lupo ragazzi! Tenete alto il nome del Ticino, lottate con il cuore e portate a casa la q...

Miglior sportiv
29.07 (09:59)

Miglior Sportivo Ticinese, periodo di voto Ť iniziato! Sostieni il nostro giovane talento Nadir Moni...

30.11.2017

Under 18 - Doppia sfida d'alta classifica nell'ultima giornata di campionato

Domenica 12 novembre i nostri U18C sono scesi in campo per una doppia sfida d’alta classifica, infatti gli avversari di giornata erano Eschenbach (3° posto) e Lucerna (2° posto).

Si comincia contro Eschenbach, squadra senza giocatori emergenti, ma dall’ottimo potenziale collettivo. Una vera squadra tosta, la tipica “svizzerotedesca che non molla mai”. I nostri si presentano con una formazione ringiovanita, infatti lo staff tecnico del settore giovanile decide di convocare i ragazzi più meritevoli e volenterosi della U16B di coach Sbabba.

Dopo le indicazioni tattiche e il discorso motivazionale, i nostri entrano in campo determinati a mostrare il proprio valore agli avversari e la partita inizia sui binari giusti per il TIUH: concentrazione e aggressività si fanno vedere e dopo poco meno di quattro minuti il solito bomber di razza Minotti realizza l’1-0 su assist di Mariotti. Come ogni sportivo sa, dopo un goal non bisogna fermarsi, ma bisogna continuare a pigiare sull’acceleratore. Cosa però che evidentemente i giovani della U18 ancora non sanno, e nemmeno un minuto dopo arriva il pareggio. L’Eschenbach decide di giocare aggressivo, il gioco del TIUH cala d’intensità, i numerosi errori difensivi causano lavoro extra tra i pali a un ottimo Laffranchi, ma il risultato resta sull’1-1. Gli attaccanti si accorgono di lasciare troppo soli i difensori in fase d’impostazione, e grazie a questo aiuto la pressione degli avversari cala e Mariotti trova il vantaggio al 14esimo (assist Mascaro). Il tempo si conclude con un powerplay per parte non sfruttati.
Coach Degiovannini suona la sveglia e chiama la squadra a una reazione, bisogna cominciare il secondo tempo come l’inizio partita. La buona voglia dei giocatori c’è, ma la troppa foga porta ad un inizio di secondo tempo costellato da numerosi errori individuali e poca aggressività. Come in un’equazione matematica il tutto porta l’Eschenbach a trovare il meritato pareggio. Coach Forini non ci sta, e da una scossa ai suoi, parola d’ordine giocare semplice e aggressivi. Capitan Regazzi, fino a lì praticamente inesistente, suona la carica e trova il 3-2 con un bel polsino dei suoi. Ora la concentrazione non cala più e il TIUH diventa sempre più padrone del campo. Mariotti, in giornata di grazia, trova il 4-2 e il 5-2 in poco piu di 3 minuti (tripletta per lui alla sua prima partita con la categoria U18). Gli ultimi 5 minuti, la squadra si limita a controllare la partita, e senza correre ulteriori rischi si aggiudica i primi 2, importantissimi punti di giornata.

La seconda sfida è contro il Lucerna, squadra dall’ottimo potenziale e dotata di alcuni elementi singoli molto validi. Per poter vincere è di vitale importanza una maggiore concentrazione rispetto alla prima partita, bisogna limitare gli errori al minimo e sfruttare al massimo le occasioni create. I ragazzi lo sanno e cominciano la partita con determinazione e voglia di far bene. Boscolo, anche lui alla sua prima giornata con la categoria U18, trova l’1-0 su bella azione corale della 1a linea. Il Lucerna, però ci mette più cuore e più grinta dei nostri, e con un pressing alto mette in difficoltà i nostri difensori che, come visto nella prima partita, senza aiuto da parte degli attaccanti, vanno un po’ in panico e perdono parecchie palline. Proprio su uno svarione difensivo il Lucerna trova l’1-1. Sembra proprio giornata no nelle retrovie del Ticino, ennesima pallina persa malamente e gli avversari si portano sul 2-1. Finalmente arriva la reazione attesa. Con un pressing martellante recuperano parecchie palline: Margni sembra un treno merci in corsa, Mascaro lo imita e mettono in seria difficoltà i difensori avversari. Proprio su un’azione di pressing molto rocambolesca, Boscolo trova la doppietta personale e sigla il pareggio. Fine primo tempo e si va alla pausa sul 2-2.
Inizia il secondo tempo e i giovani ticinesi hanno subito l’occasione per portarsi in vantaggio: powerplay. Il quintetto messo in campo fa girare bene pallina, ma il buon boxplay del Lucerna ha la meglio e sono poche le conclusioni verso lo specchio della porta. A poco dal termine della superiorità, un altro intervento duro degli avversari provoca un’altra penalità. Sembra il momento adatto a colpire un avversario ferito, Forini chiama il time-out, facendo così fiatare i 5 in campo e rispiegando la tattica. Al rientro in campo però, i ragazzi sembrano un po’ impauriti dal momento e un’incomprensione tra Margni e Mariotti porta a un contropiede e al goal del vantaggio del Lucerna: 3-2 (goal in inferiorità numerica). Un colpo veramente duro per i ticinesi, che fanno fatica a ritrovare il gioco espresso nel primo tempo. Il vantaggio numerico sfuma in un niente, e il Lucerna con le batterie ricaricate al 120% dal goal in boxplay, aumenta l’intensità e si butta, come dei guerrieri spartani, su ogni pallina. La partita va in confusione totale. Il TIUH prepara l’assalto finale, Forini e Degiovannini riordinano le linee, ma proprio un cambio chiamato sbagliato porta a un due minuti per cambio scorretto. Il boxplay tiene per un minuto, poi una dormita del difensore centrale, mette un uomo solo davanti alla porta, il quale non si fa pregare due volte e insacca il 4-2 contro un incolpevole e ottimo Crotta. I ragazzi provano a girare le sorti dell’incontro, ma un Lucerna vincente ad ogni duello non lo permette, e la partita finisce con la prima sconfitta stagionale.

Il campionato resta aperto (-1 dallo stesso Lucerna), i giovani della U18 sanno che è ancora tutto nelle loro mani, ma non hanno più diritto all’errore. Se si vuole vincere il campionato e giocarsi la promozione nella categoria B, ora più che mai bisogna allenarsi al 120%, lottare su ogni pallina e giocare uno per l’altro. Le qualità sicuramente ci sono, ma bisogna ritrovare la voglia di lottare d’inizio stagione.